Non per una mela al giorno…

Il sole di questa estate, che avevamo intuito sarebbe stato molto caldo, ha iniziato a riscaldare alcune delle tematiche sulle quali da tempo cerchiamo di richiamare l’attenzione.

Abbiamo raccolto in questo post gli articoli di questi giorni apparsi su alcuni importanti quotidiani nazionali che riportavano la profonda crisi di personale a carico degli ospedali e in particolare dei pronto soccorso.

65319385_10159007760561151_2322210034362089472_n.jpg65057115_2837937586281528_6851240691373178880_n.jpg64900518_2838507026224584_5496826070294331392_o.jpg

Purtroppo la fotografia che ne emerge é ingloriosa: una vera emergenza all’interno della rete preposta  rispondere alle emergenze. Turni scoperti, risorse mancanti, burn out, carico di lavoro eccessivo e peggiore qualità delle cure offerte.

65056217_10159011388766151_6173925826262728704_n.jpg65385414_2840801395995147_1651170979759521792_n.jpg

Abbiamo già espresso perplessità circa le soluzioni individuate finora: può essere la pezza peggiore del buco? Vale la pena accorciare il proprio periodo di formazione, aumentare il carico di responsabilità e di lavoro sulle spalle di giovani colleghi al prezzo di incerte promesse di assunzione e di un trattamento economico sostanzialmente identico? Quando finirà questo vizio di buttare il problema addosso alle nuove generazioni senza prendere dei provvedimenti radicali?

65856926_2184770091641603_5953624352216842240_n.jpg

E mentre si propongono molti tipi di investimento su come arginare la situazione, non esiste ancora una programmazione seria del numero di borse di specialità  che sia proporzionale al fabbisogno reale di specialisti.

Per cui quando vi aggirerete per corridoi deserti o vi ritroverete in attesa in sale d’aspetto affollate a pensare “ma il medico dov’è? che fa?” sappiate che non è stata una mela al giorno a togliere il medico di torno o la carenza di vocazioni, ma i tagli, l’incapacità e la miopia di una classe politica che non ha saputo o voluto ascoltare il grido d’aiuto di un malato che non è riuscito a curare se stesso: il Pronto Soccorso.

 

Annunci

Un pensiero su “Non per una mela al giorno…

  1. Pingback: LETTERA AI NEO-COLLEGHI | CoSMEU

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...